MONTE SODADURA

 

Valle: Val Sassina - Altre cime della Val Sassina
Punti di appoggio: Rifugi dei Piani di Artavaggio.
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero e traccia segnata 
Difficoltà:   EE - I+ - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
   
   
   
   
 
 

 

Introduzione:

Panoramicissima cuspide che sovrasta i Piani di Artavaggio e la Val Taleggio. A dispetto dell´altezza modesta è un punto privilegiato per i panorami che spaziano a 360°. 


Accesso:

Dal rifugio portarsi per pochi metri ad una sella, presso la quale troviamo il sentiero 101 delle Orobie. Seguirlo verso E per pochi minuti fino ad un´altra sella, dove i segnavia indicano la ben visibile traccia che porta al Monte Sodadura.


Descrizione della salita:

La salita segue la cresta Ovest della cuspide del Sodadura. Poco oltre metà via, il ripido sentiero lascia spazio a qualche metro di roccette semplici ma un po´ esposte, da superarsi senza difficoltà con un zig-zag destra-sinistra. Oltre il sentiero prosegue sulla crestina affilata fino alla panoramica vetta. Calcolare una ventina di minuti dalla sella.


Discesa:

Come per la salita. E´ anche possibile e remunerativo scendere lungo la cresta E per evidenti tracce fino a ricollegarsi col sent. 101 all´altezza del Passo di Sodadura e da lì rientrare ai Piani di Artavaggio in pochi minuti di sentiero panoramico.


Note:

Gita semplice, breve e panoramica, può essere abbinata comodamente ad altre cime presenti in zona, come la Cima di Piazzo, Monte Araralta e Pizzo Baciamorti, consentendo così una magnifica, facile e panoramicissima galoppata di cresta.