CIMA di PIAZZO

 

Valle: Val Sassina - Altre cime della Val Sassina

Punti di appoggio:

Rif. Nicola, Rif Cazzaniga-Merlini (1889 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero segnato 
Difficoltà:   E - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 105 - Lecco e Valle Brembana 1:50000

 

Descrizione della salita:

Per salire alla Cima di Piazzo di possono effettuare due percorsi, lungo il fianco sud occidentale o lungo la cresta sud. Nel primo caso seguire il sentiero che passa a sinistra (ovest) di due evidenti gobbe fra la sella e la cresta sud e poi risale con moderata pendenza tutto il pendio erboso (o innevato) del versante sud ovest del monte fino a raggiungere il crestone ovest o il breve, ma un po´ più ripido, pendio finale e quindi la Madonnina in bronzo sulla cima. Nel secondo caso si raggiunge l’ampia sella erbosa della Bocchetta di Piazzo (1879 m) a nord della seconda gobba e si risale tutta la cresta sud del monte, inizialmente larga e ripida e poi più appoggiata e stretta, ma sempre erbosa ed agevole fino ad arrivare in vetta senza alcuna difficoltà. Poco oltre la Madonnina, per breve tratto di cresta un po´ più stretto, si raggiunge il punto più elevato.


Discesa:

Come per la salita.


Note:

In inverno tenere nella dovuta considerazione il grado di rischio di valanghe e la possibilità di cornici anche ampie lungo le creste ed evitare periodi di forte innevamento. Lungo le creste possono essere necessari piccozza e ramponi.